Poesía

Olvido
Olvido,…..hedionda danza!

Mente confusa bloqueada en la habitación.

Olores pasado, cerebros borrados

Amores encontrados, ya olvidados

Manijas resplandecientes, invitan la mano,

aferrate!…. grita l’humano.

Si solta la manija, puerta se cierra de salida

marginado de las lobbis, estas como mercancías al por mayor.

Redescubre la vida, redescubre tu mismo,

Una nueva visión ahora te aparecerá

Quedarse solo, regalando sonrisas.

Fuera de la pila, vive tu color

Recuerdos surgen, experiencias de amor …

No hay olvido en el baile ….

Dimenticanza, mefitica danza,

Confusa la mente, chiusa nella stanza…

Odori passati, cervelli cancellati.

Amori incontrati, ormai dimenticati.

Maniglie lucidate, invitano la mano….

…….AGGRAPPATI urla l’umano,

Se lasci la presa, la porta si chiude…

Escluso dal giro, sei merce all’ingrosso.

Riscopri la vita! Riscopri te stesso!

Nuove visioni ti appaiono adesso….

Restando da solo, regala sorrisi!

Stai fuori dal mucchio, e vivi il tuo colore

Affiorano ricordi…esperienze d’amore…..

Non c’è dimenticanza, nella tua danza….

Foto y poesia de Tito di Pippo

Don Chisciotte

Don Chisciotte mi ha ispirato
nella follia del passato
ho mangiato ideali
bevendo  nei canali
ho difeso dai soprusi
amando gli esclusi
ho pagato sulla mia pelle
le urla delle folle
ma una notte ho sognato
di non essere appagato
mi sentivo soffocato
nello specchio mi son guardato
in un occhio l’ho sputato
Narciso era riflesso
col mio corpo in un amplesso
il risveglio è stato duro
ho urlato contro un muro
invocata la mia anima
una folla mi ha risposto
e confuso son rimasto
ho guardato con coraggio
l’ombra nel suo raggio
nelle tenebre avvolgenti
i pensieri seducenti
stendono veli intriganti
nelle menti arroganti
Ho guardato Don Chisciotte
che abuso
sono proprio un illuso!

Umani

Umani
corrugamenti di molecole danzanti
con deliri di onnipotenza
orfani dell’origine
nel Paradiso perduto
s’affannano esausti
a ricacciare la propria ombra


Utopia

Un utopia di felici convivenze tra popoli agli antipodi

Dove contraddizione è sinonimo di unione

Dove non ci si sente perversi ad essere diversi

Dove ogni colore s’amalgama all’altro

In una dolce armonia di toni

Dove ogni dualismo è risolto dal terzo in un nuovo principio

Dove il potere del singolo agevola gli altri

Dove amare ha un sapore universale!!!!

Kokopelli

Kokopelli ha portato sulle spalle,

fantasie di gente senza pelle

Con la terra ha colorato i loro visi,

con le foglie ha donato sorrisi

Kokopelli ha soffiato venti che risvegliano i serpenti

Col ritmo dei colori ha tolto i dolori

L’eros ha diffuso, equilibrando il sesso confuso

Ha regalato i doni migliori,

diffondendo la pace togliendo i dolori

Rispettando anche chi tace i soprusi

Di mercenari e assassini,

difesi da croci e breviari latini

Kokopelli ha suonato, tutti hanno ballato

Kokopelli ha parlato col cuore spalancato

E quelli più duri ha reso maturi

Kokopelli è tornato anzi non è mai andato….

1 comentario

  1. Tito
    Su sitio web se ve muy bien. Me gustaría hablar más españo!!!
    Rose


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s